Navigation Menu+

Repressology – RPR#1

Posted on ott 20, 2014 by in Repressology | 1 comment

Evidenza

RPR#1

In anni di digging ho individuato due filosofie di pensiero sulle repress: l’integralismo della prima stampa e il collezionismo più conciliante.

I puristi non amano l’idea che un disco venga ristampato, non impazziscono per le raccolte e vi guarderanno con sufficienza quando gli mostrerete la vostra copia fresca di stampa di una cosa che loro probabilmente hanno acquistato almeno 20 anni fa.

C’è poi una seconda categoria di entusiasti del vinile, forse più ampia, per cui i discorsi di principio valgono poco di fronte alle seconde possibilità, specie quando puoi portarti a casa un bel disco ad 1/20 del prezzo inflazionato di discogs.

Questa rubrica parla con passione e senza troppi tecnicismi al secondo gruppo, a chi deve centellinare i fondi destinati ai dischi, a chi era troppo giovane o troppo distratto back in the days, e a tutti quelli che in generale considerano le repress un accettabile compromesso morale.

Welcome to Repressology

now

Nightmare On Wax – A Word of Science & more

( Warp )

Mi piace l’idea di inaugurare questa rubrica con una super notizia direttamente da casa Warp. Dopo il tour “’N.O.W IS THE TIME’,  Warp ha deciso di ristampare tutto il back catalogue del progetto Nightmare on Wax per festeggiarne i 25 anni.
Partendo dal seminale A Word of Science , uscito nel 1991, fino al penultimo lavoro, Thought So, sono 6 perle che non dovrebbero mancare nelle vostre librerie.
Consapevoli della difficolta’ della scelta, su Bleep hanno attivato un codice promozionale: con l’acquisto di 3 o piu’ copie il prezzo scende da 21.99 a 17.99 a disco.
Ovviamente doppio LP, copertina apribile e instant download incluso.
Disponibili dal 20 Ottobre.

ChrisJonesSeaOfWires

Sea of Wires / Chris Jones – Recordings 1980-82

(Vinyl on Demand / VOD 131.9/10 )

La Vinyl on Demand di Frank Maier, da anni specializzata nella ristampa di industrial, minimal wave, drone et similia, riporta alla luce le produzioni del duo inglese ‘The Sea of Wires’, al secolo Chris Jones e Tony “T” Murphy.
A cavallo tra dark wave, influenze kraut e reminescenze Radiophonic Workshop, del duo esistono solo 3 splendide cassette registrate tra il 1980 e il 1982, recuperate e ristampate su doppio LP.

http://www.vinyl-on-demand.com/-1-402-492.htm

francis-bebey_recto

Francis Bebey – Psychedelic Sanza 1982-1984

(Born Bad records/ BB064 )

Polistrumentista, scrittore e sperimentatore, a Francis Bebey va il merito di aver inventato un genere in cui gli strumenti tipici della tradizione africana incontrano drum machine ed elettronica di stampo europeo.
Dopo African Electronic Music 1975-1982′, Born Bad dedica un secondo volume al compositore, raccogliendone le produzioni dal 1982 al 1984.
Protagonista indiscussa è la sanza, strumento tipico africano che il figlio di Bebey descrive perfettamente così:

“Playing the sansa, you enter a world that enraptures you in a very serene and mesmerizing way. I think its sounds evoke a rainbow, with rain falling while the sun shines. A very peaceful feeling. It allows you to make music that truly sounds like life. “
Nel caso non riusciste a trovarlo dal vostro rivenditore di fiducia, sul sito della Born Bad hanno un deal interessante: con 36 euro ( + spedizioni) vi portate a casa Psychedelic Sanza e African Electronic Music.

http://shop.bornbadrecords.net/album/psychedelic-sanza-1982-1984
kirk

Richard H. Kirk – Never Lose Your Shadow

( Minimal Wave / MW055 )

Direttamente da Sheffield arriva questo EP di Richard H Kirk, membro fondatore del duo industrial Cabaret Voltaire. Quattro tracce registrate tra il 1978 e il 1987, mai uscite prima d’ora in vinile.
Sul lato A Never lose Your Shadow, un ibrido Industrial/new wave da dance floor con lyrics ipnotiche ispirate al road movie anni ’70 Vanishing Point, sul lato B ‘Public Fun’, L.D. 60′ e ‘Magic Words Command, 3 tracce dal piglio più sperimentale in perfetto stile Kirk.

bernard

Z aka Bernard Szajner – Vision of Dune

(InFine / IFO29LP )

Sotto suggerimento di Carl Craig, Infine ristampa Vision of Dune, primo lavoro del poliedrico artista francese Bernard Szajner, qui Zed.
Ispirato alla trilogia ‘Dune’ di Frank Herbert, l’album si muove tra visioni distopiche e scenari post apocalittici, evocando atmosfere dense e misteriose. E’ un disco meravigliosamente cupo che mescola drone, psichedelia nera, pre-techno e momenti ambient.
Nel caso non foste convinti, qui trovate il link ad un mini mix realizzato da Andy Votel (Finders Keepers) con I suoi momenti preferiti:

http://www.juno.co.uk/products/z-bernard-szajner-visions-of-dune-reissue/543282-01/

CS545911-01A-BIG
Mr Master – Dog in the Night

( Archivio Fonografico Moderno / ARFON 06)

Su Archivio Fonografico Moderno non e’ stato facile scegliere. La label di Fred Ventura ha ormai all’attivo 8 uscite, tutte ristampe di classici italo disco con quotazioni alle stelle. Dopo pietre miliari come On & On dei Decadance, Sexy Film di Kroma e New Way di Blackway, è il turno di Mr Master – Dog In The Night, uno dei progetti di Stefano Zito e Carlo Favilli.Testo cheesy in perfetta tradizione italo, basso potente e synth ruffiano, è uno di quei dischi che ti si incolla addosso dopo il primo ascolto e che ti ritrovi a cantare sotto la doccia. Bella la versione instrumental, ma è quella vocal a vincere a mani basse.

http://www.phonicarecords.com/product/mr-master-dog-in-the-night-archivio-fonografico-mode/124911

 

Cipria Upside Down| Opening Party| Sab 08.11.14 w/ Hunee (Rush Hour, Future Times)

1 Comment

  1. recensioni ed info da vero intenditore, tanta professionalità quanto la qualità del materiale proposto. Ottimo lavoro, la mia puntina ringrazierà!
    G

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>